La Corte Suprema e la discussione sull’aborto

In questi giorni la Corte Suprema degli Stati Uniti ha tenuto un’attesissima udienza sull’aborto, sulla quale deve ancora emettere sentenza.

La procedura è stata avviata per valutare la legittimità della legge sull’aborto del Mississippi, uno stato conservatore in cui l’interruzione di gravidanza è vietata dopo le 15 settimane di gestazione nella maggior parte dei casi. È considerato il caso più importante sul tema degli ultimi decenni, soprattutto perché sarebbe una possibile minaccia alla storica sentenza che dal 1973 garantisce l’accesso all’aborto a livello federale.

La decisione arriverà probabilmente nel giugno del 2022, ma i dibattiti avviati sono fondamentali per comprendere la posizione della Corte, che dopo la nomina di tre giudici voluti dall’ex presidente Donald Trump ha una netta maggioranza conservatrice.

Leggi tutto “La Corte Suprema e la discussione sull’aborto”

Il tentativo dell’abolizione del Religious Freedom Restoration Act (RFRA)

In America un memo trapelato da HHS (Health & Human Services) sta agitando il Congresso: sembrerebbe il tentativo  di “abolire” le protezioni religiose e di coscienza degli americani

Nel 2017 il Johns Hopkins Center for Health Security aveva pubblicato un libricino dal titolo SPARS 2025-2028,  ne abbiamo parlato già in questo articolo  che invito a rileggere.

In sintesi, una simulazione che raccontava una pandemia generata da un coronavirus, combattuta tramite lo studio di un vaccino da una parte, mentre dall’altra i governatori dovevano dovevano affrontare una varietà di dilemmi di comunicazione derivanti da questa situazione.

Tra le azioni di controllo rientravano anche le preoccupazioni etiche e religiose conseguenti all’introduzione del vaccino.

Ritornando al memorandum citato in apertura, si nota una coincidenza con la simulazione del 2017, l’ennesima, se vogliamo dirla tutta.

Leggi tutto “Il tentativo dell’abolizione del Religious Freedom Restoration Act (RFRA)”