La rete di Jeffrey Epstein e Ghislaine Maxwell

Riassumere le relazioni tenute da Jefferey Epstein e Ghislaine Maxwell sembra un’impresa titanica, a volte pare talmente assurda da aver dubbi sulla sua veridicità.

Forse è per questo che la valutazione della situazione è spesso relegata a una “teoria della cospirazione” da parte di coloro che non hanno familiarità con i dettagli orribili di questa operazione di traffico sessuale di minori che attraversa i mondi dell’alta finanza, della scienza d’élite, dell’intelligence segreta e della politica internazionale.

Quando si guarda più in profondità, la rete specifica detenuta sia da Epstein che da Maxwell è a dir poco impressionante a livello globale e significativamente influente.

Proprio mentre è iniziato il processo di Ghislaine Maxwell, èimportante essere consapevoli della strategia della famiglia Maxwell, insieme al loro impero mediatico miliardario. La leva ottenuta attraverso l’accesso e il successivo ricatto di individui molto influenti ha fornito a Ghislaine, Jeffrey e ai complici gli strumenti per consentire l’abuso e il traffico di minori su scala internazionale.

Come mostrato da una pagina web di biografia ora cancellata fatta dalla Edge Foundation, Epstein è stato un membro della Commissione Trilaterale, del Council on Foreign Relations, della New York Academy of Science ed del consiglio di amministrazione della Rockefeller University.

Impossibile non porsi alcune domande.

In che modo questa persona di Long Island ha avuto accesso e sviluppato relazioni così mondane e potenti? Come ha fatto ad accumulare una tale ricchezza? Come mantenne queste relazioni, soprattutto dopo essere diventato un condannato per reati sessuali nel 2008?

La risposta sempre nascondersi nel pozzo nero delle élite, molte delle quali a New York, che hanno permesso a Jeffrey Epstein di prosperare impunemente. Per decenni, persone importanti, influenti e “serie” hanno partecipato alle cene di Epstein, sono salite sul suo jet privato e hanno favorito la finzione che fosse una sorta di geniale miliardario di hedge fund.

Come spieghiamo perché hanno guardato dall’altra parte o lusingato Epstein, anche se devono aver notato che era spesso in compagnia di un giovane harem?

Semplice: ottennero qualcosa in cambio da lui, sia che si trattasse di un giro gratuito su quel Lolita Express , di qualche altra forma di generosità monetaria, di entrare nelle stravaganti serate di celebrità che ospitava nella sua casa di città, o, forse e straziante,  di qualche schiava sessuale.

Ci sono così tante domande senza risposta su Epstein, e molte sembrerebbero rimanere senza risposta, dopo il suo suicidio. Ma l’avvio del processo a Ghislaine Maxwell fa sperare che si riesca finalmente a far luce su tutti coloro che sono coinvolti e che hanno tentato di nascondere e tutelare l’operato del miliardario, coinvolgendo anche istituzioni come Harvard, Dalton e il Council on Foreign Relations, o avvocati come il procuratore di New York Cy Vance Jr, il cui ufficio ha cercato di declassare lo status di molestatore sessuale di Epstein; Kenneth Starr, che ha cercato di fare pressione sui funzionari repubblicani del Dipartimento di Giustizia per impedire che il caso Epstein fosse mai perseguito; e Alan Dershowitz, che ha cercato di fare pressione sui premi Pulitzer per escludere il Miami Herald per il suo epico reportage investigativo che ha riaperto il caso.

Nel 2015, Gawker ha pubblicato il “piccolo libro nero” di Epstein, che era emerso in un procedimento giudiziario dopo che un ex dipendente lo aveva preso dalla casa di Epstein intorno al 2005 e in seguito aveva cercato di venderlo. Ha detto che il libro era stato creato da persone che lavoravano per Epstein e che conteneva i nomi e i numeri di telefono di oltre 100 vittime, oltre a centinaia di contatti sociali. Insieme ai registri dell’aereo privato di Epstein, pubblicato nel 2015, il libretto nero dipinge l’immagine di un uomo profondamente invischiato nei più alti circoli sociali.

Collettivamente, questi documenti costituiscono solo uno sguardo al modo in cui la società si è aperta a Epstein a New York, Hollywood e Palm Beach.

Per fluidità di lettura, preferisco suddividere l’articolo in tre parti, la presente si concentrerà sui finanziatori e sulle connessioni politiche che Epstein e Maxwell avevano. La seconda parte parlerà dell’influenza che il duo aveva nei circoli internazionali e di politica pubblica, mentre l’articolo finale delle connessioni con le celebrità.

Dimostrazione delle relazioni della coppia criminale: Finanza, regalità e politica

Jes Staley Ex vicepresidente di J.P Morgan; Più recentemente CEO di Barclays

Staley è presente nel libro nero di Epstein. Staley ha visitato Epstein durante il suo soggiorno in prigione dal 2008 al 2009, mentre lavorava come V.P. di Jamie Dimon presso J.P Morgan; Staley ed Epstein si sono messi in contatto regolarmente. Staley si è recentemente dimesso dal suo recente ruolo in Barclays, a seguito di un’indagine interna che ha anche scoperto che ha inviato oltre 1.200 e-mail a Epstein, alcune contenenti il termine “Biancaneve”, probabilmente riferendosi a un colloquialismo spesso usato per la cocaina (o le prostitute). Staley è visto al fianco di Epstein, Bill Gates, Boris Nikolic Larry Summers nella foto che intitola questo articolo del NYT collegato di seguito:

Jamie Dimon, CEO di J.P Morgan

Durante la permanenza in prigione di Epstein nel 2008, ha ricevuto una chiamata dall’allora ministro del gabinetto britannico Lord Pete Mandelson; che era alla ricerca di un incontro tra lui e un certo Mr. Jamie Dimon, attuale CEO di J.P Morgan. È importante notare che J.P Morgan ha anche avuto una storia di morti misteriose nella loro azienda. 1,39 dollari di cocaina sono stati sequestrati da una nave mercantile di proprietà di J.P Morgan, dimostrando che le loro barche sono state utilizzate per scopi di traffico illegale in passato

Larry Summers; Ex presidente della Federal Reserve ed ex presidente di Harvard; Attuale professore di Harvard

Summers è nei registri di volo di Epstein. Larry Summers è stato fotografato con Epstein diverse volte, insieme ad altri colleghi professori di scienze della Ivy League, come Steven Pinker John Brockman.

Lynn Forester De Rothschild: fondatore e managing partner del Council for Inclusive Capitalism, direttore indipendente di E.L Rothschild Family Investment Office (che detiene la proprietà di maggioranza di The Economist Media Group)

Presente nei registri di volo di Epstein prima del suo matrimonio con Sir Evelyn, è indicata come “Lynn Forester”. Lynn ed Epstein sono volati insieme dallo stesso aeroporto che alla fine sarebbe diventato il palcoscenico per il suo arresto nel 2019:Teterboro, NY.

Secondo il NY Post e il New Yorker rispettivamente, Lynn è stata responsabile dell’introduzione di Epstein a Maxwell e Alan Dershowitz: ha anche venduto la sua residenza di New York a Epstein per l’80% al di sotto del valore di mercato.

Peter Soros, direttore del Soros Management Fund, nipote di George Soros

Presente nel libro nero di Epstein.  Nessuna registrazione sui piani di volo nè presenza di nessun altro componente della famiglia Soros.

Glen Dubin, fondatore di Highbridge Capital Management, membro fondatore dell’organizzazione benefica Robinhood Foundation

Glen è stato trovato nel libro nero di Epstein. Glen Dubin e sua moglie, l’ex modella svedese Eva Andresson-Dubin (che in precedenza ha anche frequentato Epstein) sono entrambi pesantemente implicati nell’operazione di Epstein.

Il loro maggiordomo di famiglia ha testimoniato di aver visto una ragazza di 15 anni (allora impiegata come baby sitter dai Dubin) ammettere di essere stata costretta a fare sesso con Epstein da Maxwell. Epstein e Maxwell avevano minacciato fisicamente di farle del male e sequestrato il suo passaporto per tenerla sull’isola, secondo la dichiarazione del maggiordomo.

Un articolo del Miami Herald delinea il coinvolgimento di Dubin (e di altri) nell’operazione di Epstein. Secondo Vanity Fair, Glen Dubin ha presentato Epstein all’allora vicepresidente di JP Morgan, Jes Staley: secondo il New York Post; Epstein aveva detto ai Dubin che “voleva sposare” la loro figlia adolescente.

Donald Trump, Presidente degli Stati Uniti

Secondo i racconti dei media che hanno sempre cercato di coinvolgere Trump nello scandalo Epstein, il Presidente avrebbe avuto una relazione commerciale durata per anni con lui, lasciando intendere, senza alcun tipo di riscontro nè sua presenza sui celeberrimi registri di volo del Lolita Express, che Trump sarebbe invischiato negli affari loschi del miliardario.

In realtà, mentre è plausibile che Epstein avesse i recapiti di Trump e della famiglia, poichè elementi di spicco nella realtà americana, per trovare video che ritraggono Trump con Epstein bisogna risalire addirittura al 1992. In un filmato ripescato dalla NBC, Trump ospitava a Mar-a-Lago una festa alla quale ha partecipato Epstein. Lo conosceva solo come lo conosceva chiunque altro a Palm Beach, ha affermato Trump tagliando corto su ogni illazione. L’ultima immagine pubblica che riprendere Trump, con Melania, Epstein e Maxwell durante una festa a Mar-a-Lago risale al 2000. Eppure si sta cercando di coinvolgere Trump anche nel processo Maxwell, con le dichiarazioni di un pilota di Epstein che ricorda di aver visto il Presidente.

Virginia Giuffre, vittima del traffico sessuale di minori di Epstein, è stata reclutata da Ghislaine Maxwell a Mar-A-Lago, di proprietà di Trump, ed i media hanno cercato da sempre di strumentalizzare la questione, lasciando intendere una colpa di Trump, mai citato dalla vittima. Trump al contraio ha bandito Epstein da Mar-A-Lago nel 2005 non appena venuto a conoscenza delle molestie che sarebbero accadute ad una ragazza minorenne.

Il nome di Trump non appare sul registro di volo dell’aereo di Epstein, nonostante le calunnie del fratello di Epstein che ha affermato che Trump ha volato sull’aereo “numerose volte” .

Alla domanda su Ghislaine Maxwell, Trump ha risposto” L’ho incontrata numerose volte nel corso degli anni, le auguro ogni bene; qualunque cosa sia”.

Al CPAC nel 2015, Trump ha casualmente tirato fuori l’isola di Epstein quando gli è stato chiesto di Bill Clinton, dicendo che ha “un sacco di problemi in arrivo secondo me con la famosa isola con Jeffrey Epstein“. Trump ha anche fatto accenno al Principe Andrea: “Non lo so, ma quell’isola era davvero una fogna, non c’è dubbio, chiedete al principe Andrew, ve ne parlerà lui, l’isola era una fogna assoluta

Edgar Bronfman Jr. della fortuna Seagrams, ex CEo di Warner Music Group, padre di Claire Bronfman; che è stata accusata per il suo ruolo nel culto del traffico sessuale NVIXM di Kieth Raniere e cospiratori

Presente nel libro nero. La figlia di Edgar, Claire, ha partecipato allo “schema piramidale del traffico sessuale” di NVIXM che impiegava tattiche comuni alla tratta di esseri umani, utilizzate anche da Epstein; dove le vittime della tratta sono incoraggiate o costrette a reclutarne altre.

Claire è stata fotografata con Richard Branson (anche nel libro nero di Epstein) durante una conferenza tenutasi sulla sua isola privata di Necker. Questo articolo evidenzia come NVIXM ha utilizzato tecniche di manipolazione consolidate intrecciate in “insegnamenti spirituali” allo scopo di incoraggiare un aumento dell’apertura alla suggestione nei loro seguaci; una nota strategia di culto.

Leon Nero; Ex CEO di Apollo Global, ex membro del consiglio di amministrazione del Museum of Modern Art

Black ha prestato a Epstein $ 158 milioni. Imputato in una causa che lo accusa di stupro; La connessione di Leon Black con Epstein è dannosa sia per Apollo Global che per il Museum of Modern Art,di cui Black sedeva nel consiglio di amministrazione.

Mort Zuckerman; CEO Boston Properties

Zuckerman è presente nel libro nero di Epstein. Mort Zuckerman è stato accusato di violenza sessuale da Guzel Ganieva, Mort ha ricevuto un mandato di comparizione per fornire testimonianza nel processo di Leon Black per spiegare il proprio coinvolgimento.

Lord Anthony Bamford, CEO di J.C Bamford

Bamford è presente nel libro nero di Epstein. Ecco un resoconto dettagliato della relazione di Bamford con Jeffrey Epstein.

Evelyn De Rothschild, economista britannico, finanziere e magnate dei media

Evelyn è presente nel libro nero di Epstein. Secondo il NY Post,Epstein e Maxwell sono stati presentati per la prima volta l’un l’altro da Lynn Rothschild alla festa di compleanno di Evelyn De Rothschild nel 1999. Il suo nome è presente nei registri di volo del Lolita Express.

Principe Andrea, Duca di York

Andrew ed Epstein hanno avuto una relazione che è durata per decenni,originariamente si sono incontrati nel 1999. Il Duca di York è implicato nell’operazione di traffico di minori di Epstein ed è stato accusato di stupro di minori dall’accusatrice di Maxwell Virginia Giuffre. La famiglia reale ha fatto uno sforzo per seppellire questa storia e proteggere Andrea; aggiungendo a uno schema inquietante, che rivela un fallimento sistematico nel cercare giustizia per le vittime di Epstein e complici.

Epstein ha ospitato più volte il principe nella sua casa di città, dove avrebbe messo da parte le formalità regali e si riferiva a lui semplicemente, e alle orecchie inglesi ereticamente, come “Andy”. Il principe Andrea ha invece invitato Epstein e Maxwell a sparare alle feste a Sandringham House, il rifugio di campagna della regina nel Norfolk.

“Jeffrey ha fatto indossare ad Andrew un paio di pantaloni della tuta per la prima volta nella sua vita”, ha detto una fonte a Vanity Fair a proposito dei due. “È stato Jeffrey che ha insegnato ad Andrew come rilassarsi.”

Ma la loro relazione, e il loro relax, hanno assunto sfumature più scure col passare del tempo. Andrew è stato al fianco di Epstein dopo il suo rilascio da una condanna a 13 mesi di carcere ed è stato l’attrazione principale della festa che ha organizzato per rientrare nella società. (Sono venuti anche Katie Couric e George Stephanopoulos.)

La stampa britannica si è inorridita quando si è scoperto che Sarah, la duchessa di York perennemente indebitata  aveva accettato £ 15.000 da Epstein per pagare uno dei suoi creditori, un accordo mediato dal suo ex marito, e che un ex dipendente della manse di Palm Beach di Epstein aveva affermato in una deposizione giurata che il duca era un ospite di lunga data, godendo di massaggi e feste in piscina nude.

Richard Branson; Finanziere, fondatore di Virgin Airlines

Branson è presente nel libro nero di Epstein. Branson è anche co-fondatore della Storm Management Modeling. Branson ha anche fatto parte del consiglio del Centro Internazionale per i Bambini Scomparsi e Abusati (accanto a Hilary Clinton) e possiede lui stesso un’isola privata (Necker Island). Sebbene ora cancellata, la pagina web ICMEC “Chi siamo” mostra una foto di Hillary Clinton.

Nel video di Scott Picken su YouTube, filmato da Necker Island di Branson, durante un viaggio che ha trascorso con Branson e amici. Menziona che Branson ha un’altra “isola molto privata, così privata che nessuno ne è a conoscenza” chiamata Mesquite Island. 1 minuto e 43 secondi in questo video Picken afferma anche: “e questo è il tempio, la cosa interessante del tempio è che Nelson Mandela, Desmon TuTu, Jimmy Carter e molte, molte altre persone importanti si riuniscono qui per risolvere problemi globali“.

Anche l’isola di Epstein aveva un tempio che molti importanti leader globali hanno visitato. Alla fine di questo video, quando Scott sale sul tetto della tenuta, si vedono due tavoli da massaggio e due ragazze in una piccola vasca idromassaggio. Picken menziona che “i ragazzi si fanno massaggiare” e poi sembra che gli venga chiesto se vorrebbe un massaggio da una delle ragazze (che rifiuta)

Michael Bloomberg, ex sindaco di New York 2002-2013, fondatore di Bloomberg

Bloomberg è presente nel libro nero di Epstein. Bloomberg è visto qui nella foto con Ghislaine Maxwell.

Andrew Cuomo, ex governatore di New York 2011-2021

Cuomo, al fianco di Kerry Kennedy, è presente nel libro nero di Epstein. Cuomo è stato accusato di diverse molestie sessuali e crimini di abuso e ha una storia di tentativi di negare giustizia alle vittime di crimini sessuali. Secondo il NY Post, Kerry Kennedy ha dichiarato di “aver dormito in bagno” per evitare gli abusi di Cuomo. Le sue accusatrici (Charlotte Bennett, Lindsey Boylan, Ana Liss, Alyssa Mcgrath, Virginia Lematis, Anna Ruch, Karen Hilton e diverse vittime anonime) e le loro accuse sono riassunte qui. Cuomo non è presente nei registri di volo del Lolita Express.

Bill Richardson; ex governatore del New Mexico

Zorro Ranch, proprietà di Epstein nel New Mexico

Richardson è presente nel libro nero di Epstein. Lo stesso Richardson ha ricordato almeno un’occasione in cui ha visitato il ranch Zorro di Epstein. L’ormai famigerato palazzo “Zorro Ranch” di Epstein si trova nel New Mexico. Richardson è direttamente implicato nell’operazione di Epstein.

Epstein ha donato $ 50.000 a ciascuna delle sue campagne governative. Una portavoce di Richardson ha detto all’Albuquerque Journal che Richardson ricorda di aver visitato il ranch di Epstein nel New Mexico solo una volta, durante la sua prima corsa a governatore nel 2002.

George Mitchell, erede della famiglia Oil, ex CEO e politico Disney (ha servito sotto Clinton e Obama, anche senatore per il Maine, 1980-1995 e cavaliere onorario dell’Ordine dell’Impero Britannico)

Mitchell è presente nel libro nero di Epstein. George Mitchell e Bill Richardson sono stati accusati di coinvolgimento diretto nell’operazione di traffico sessuale di minori di Epstein da parte di Virginia Giuffre. Ciò è particolarmente preoccupante in quanto Mitchell ha supervisionato il fondo di risarcimento dell’arcidiocesi di Filadelfia per le vittime di abusi sessuali del clero nel 2018. Mitchell è direttamente implicato nell’operazione di Epstein.

L’ex senatore è stato nominato inviato speciale degli Stati Uniti per l’Irlanda del Nord dal presidente Clinton ed è stato un propulsore dell’accordo del Venerdì Santo. Ha chiamato Epstein un “amico” e la rubrica elenca una dozzina di numeri per lui sotto il titolo “Piper, Rudnick”, il nome dello studio legale di Washington di cui Mitchell era socio.

Principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammad bin Salman

Epstein è volato a visitare bin Salman alla vigilia delle elezioni statunitensi del 2016. Bin Salman ha visitato la casa di Epstein “molte volte”, come è stato rivelato in un’intervista del NYT del 2018 con Epstein, condotta nell’appartamento di Epstein a New York da James B. Stewart. Bin Salman gestisce il fondo Saudi Sovreign Wealth; un grande investitore sia in Tesla che in Amazon (tra una serie di altri prodotti finanziari). Epstein aveva un passaporto austriaco,che elencava un indirizzo dell’Arabia Saudita. È stato trovato in una cassaforte chiusa a chiave nella casa di Epstein insieme a oltre $ 70.000 in contanti e diamanti sciolti, hanno rivelato i documenti del tribunale.

Elon Musk

In questo stesso articolo linkato sopra, Stewart ha riferito: “Non avevo mai incontrato Epstein prima. L’avevo contattato perché io e i miei colleghi avevamo sentito una voce secondo cui stava consigliando l’amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, che era nei guai dopo aver annunciato su Twitter di aver messo in fila i finanziamenti per portare Tesla privata.” 

Epstein potrebbe aver tentato di stabilire una sorta relazione d’affari con Elon Musk; non si sa se Epstein stesse effettivamente consigliando Tesla o Musk a qualsiasi titolo, è possibile che fosse semplicemente un altro investitore tesla di Wall Street (con accesso a molti capitali) dal punto di vista di Musk.

Tuttavia, secondo Business Insider, Epstein e il suo entourage sono stati ospitati per un  tour privato della struttura Space X di Musk a Hawthorne, in California, nel 2012. Sembra che Epstein stesse effettivamente cercando di ottenere la benevolenza di Musk; e aveva sperato che la relazione di Kimbal Musk con una delle sue ex fidanzate avrebbe fornito opportunità di accesso a Elon. Musk e poi la moglie, Talulah Riley, avrebbero anche visitato la casa di Epstein durante una giornata intensa di diversi appuntamenti di lavoro.

È anche da notare che il Fondo sovrano saudita di Bin Salman ha acquistato una partecipazione significativa in Tesla poco dopo che è stato riferito che Epstein stava “lavorando in qualche modo” con Tesla. Sembra che Epstein possa essere stato responsabile dell’approvvigionamento di questo investimento per conto di Tesla (o forse del suo).

Jeff Bezos, fondatore di Blue Origin, ex CEO e attuale membro del consiglio di amministrazione di Amazon

Bezos ha partecipato a una cena con Epstein (dopo che Jeffrey era un noto molestatore sessuale). Bezos ha anche partecipato a una lettura di libri in cui era presente anche Ghislaine Maxwell. Bezos era a Riyadh, in Arabia Saudita, per incontrare il principe ereditario MBS (bin Salman) alla vigilia delle elezioni statunitensi del 2016. Il 9 novembre, il giorno in cui il jet di Epstein è tornato a Parigi, MBS ha tenuto un incontro non correlato con Bezos, diversi dirigenti di Amazon e due ministri sauditi.

L’agenzia di stampa saudita ha dichiarato di aver “discusso i campi di cooperazione e le opportunità di investimento disponibili secondo la Vision 2030 del Regno”, l’iniziativa economica firmata dal principe ereditario. Epstein era anche a Riyadh in questa data. “Kingdom’s Vision” è costruito insieme al “Great Reset” del World Economic Forum e agli sforzi compiuti dal “Council for Inclusive Capitalism” (una strategia dei finanziatori per esporre le persone in povertà a una maggiore esposizione al debito e alla conseguente schiavitù del debito).

Tutti e tre mirano a completare i loro obiettivi entro il 2030. Tutte e tre le organizzazioni possiedono cerchi sovrapposti; molti dei quali in possesso di una relazione con Epstein o Maxwell. Simile a Musk, Bezos potrebbe essersi impegnato con Epstein per ottenere l’accesso a investimenti altrimenti fuori portata; come bin Salman e Henry Kravis di KKR (KKR è un importante investitore amazon e ha seguito più accordi immobiliari con Amazon dal 2011).

Bill Clinton, ex presidente degli Stati Uniti

Clinton è presente nei registri di volo di Epstein. La moglie di Bill, Hillary, ha tenuto una raccolta fondi per la campagna a casa del CEO di Cantor Fitzgerald Howard Lutnick; situato accanto all’appartamento di Epstein a New York. Come accennato in precedenza in questo articolo, Donald Trump ha utilizzato questa stessa posizione per la sua raccolta fondi per la campagna 2016.

Clinton ha viaggiato in Africa insieme a Epstein, Kevin Spacey Chris Tucker nel 2002. Come confermato da questa copia del 1995 di un libro mastro della Commissione trilaterale; Clinton ha anche fatto parte della Commissione Trilaterale al fianco di Epstein, Henry Kissinger, George Soros David Rockefeller:Bill ha negato di aver viaggiato sull’isola di Epstein (anche se la testimonianza della vittima suggerisce il contrario).

Ghislaine Maxwell ha partecipato al matrimonio di Chelsea Clinton dopo che Epstein era stato accusato per la prima volta. Questo è stato poco dopo aver saltato una deposizione per il caso Epstein, sostenendo che aveva bisogno di tornare nel Regno Unito per stare con la madre malata di morte.

Al Gore, ex vicepresidente degli Stati Uniti (al servizio di Clinton)

Al e sua moglie Tipper Gore sono accusati di aver visitato l’isola di JEpstein.

Lord Mandelson politico britannico e ministro del gabinetto di Blair

Mandelson è presente nel libro nero del predatore sessuale. Mendelson ha preso contatto con Epstein durante la sua permanenza in prigione nel 2009 (dopo essere stato riconosciuto colpevole di crimini sessuali / traffico sessuale di minori)

Ehud Barak, ex primo ministro di Israele

Barak si trova nel libro nero già citato. Come riportato dal Daily Mail, Barak è stato visto entrare nell’attico di Epstein nel tentativo di proteggersi il viso; poco dopo, è stato seguito da più “ragazze più giovani”.

Charles Spencer, fratello della principessa Diana

Presente nel 2° Libro Nero, datato 1997.

Band, Doug: collaboratore di Bill Clinton

Nome trovato nel libro nero di Epstein e nel registro del jet privato di Epstein.
Un ex stagista della Casa Bianca che si è fatto strada per diventare il portaborse di Bill Clinton, l’uomo del corpo, il faccendiere e il guardiano di tutti gli usi, Band ha organizzato per l’ex presidente un viaggio in Africa sul 727 di Epstein nel 2002. Band avrebbe aiutato il suo capo a fondare la Clinton Global Initiative nel 2005, una piattaforma di scelta da cui ha lanciato la sua lucrativa società di consulenza aziendale, la Teneo. Durante tutto questo tempo, ha fatto una serie di viaggi sull’aereo di Epstein e ha partecipato a feste nella sua casa di città. Band si è dimesso dalla sua posizione alla CGI nel 2012; le e-mail trapelate in seguito hanno mostrato Band e Chelsea Clinton che si scambiano accuse di conflitto di interessi in una guerra di influenza sui suoi genitori.

Sandy Berger: consigliere per la sicurezza nazionale di Bill Clinton.

Nome trovato sul registro del jet privato di Epstein.

Hassanal Bolkiah: Sultano del Brunei.

Epstein ha avuto almeno un incontro con il sultano quando si è recato in Brunei nel 2002 con Bill Clinton. Bolkiah e suo fratello sono famosi per le loro spese sontuose, tra cui una collezione di 2.500 auto e un palazzo da 1,5 miliardi di dollari. Bolkiah una volta è stata citata in giudizio da Miss USA 1997, che ha affermato di essere stata tenuta come schiava del sesso. La causa fu respinta sulla base del fatto che Bolkiah aveva l’immunità sovrana.

Alan Dershowitz, avvocato

Per circa un decennio, Dershowitz ha tenuto una compagnia occasionale con Epstein, che lo ha presentato ai suoi amici, come Ghislaine Maxwell e il principe Andrea.
(Dershowitz dice che lui e il principe hanno finito per non andare d’accordo perché non erano d’accordo su Israele). Dershowitz ha visitato le ville di Epstein a New York e Palm Beach e occasionalmente lo ha accompagnato sul suo aereo privato. Dice che questi viaggi erano orientati alla famiglia. Una volta, Epstein gli prestò la casa di Palm Beach in modo che potesse partecipare al torneo di calcio di una nipote. Un’altra volta, lui e suo nipote sono volati giù per assistere ad un lancio spaziale con un’altra connessione di Epstein, un alto funzionario della NASA. Lui e sua moglie, Carolyn Cohen, hanno soggiornato una volta con Epstein sulla sua isola nei Caraibi, dove sono stati raggiunti da un altro professore di Harvard e la sua famiglia.

Quando Epstein iniziò ad attirare l’attenzione dei media nei primi anni ’80, soprattutto a causa della sua amicizia con l’ex presidente Bill Clinton, Dershowitz servì come testimone del personaggio per il finanziere solitario.
Ha detto a Vanity Fair che ha condiviso i manoscritti dei suoi libri con Epstein prima che fossero pubblicati e ha giurato che il suo denaro era irrilevante. “Sarei interessato a lui come un amico se avessimo mangiato hamburger sul lungomare di Coney Island e parlato delle sue idee”, ha detto alla rivista.

Ma Dershowitz dice che le loro interazioni cambiarono nel 2005, quando Epstein affrontò un’indagine della polizia locale sulle sue relazioni con ragazze minorenni a Palm Beach e assunse Dershowitz come avvocato. Con la sua assistenza, Epstein fu in grado di ridurre l’accusa dello stato contro di lui ad una sola accusa di adescamento alla prostituzione. Ma negli anni a venire, mentre i problemi legali di Epstein si aggravavano, alla fine avrebbero intrappolato lo stesso Dershowitz. È anche accusato di aver fatto sesso con due delle presunte vittime di Epstein. “Le storie sono così fantasiose”, dice Dershowitz. Riconosce che il movimento #MeToo ha fatto emergere innumerevoli resoconti di comportamenti sessuali scorretti dal suono assurdo da parte di uomini potenti e quasi tutti si sono rivelati veri. Ma Dershowitz giura che lui è diverso. “Il mio è l’unico caso, singolare, l’unico, dove non ho mai incontrato le persone”, dice. “Non c’è nessuna prova che ci siamo mai incontrati, nessuna prova che siamo mai stati nello stesso posto allo stesso tempo, mai”.

Oggi, Dershowitz sostiene che lui ed Epstein non sono mai stati veramente amici, nonostante la loro vicinanza. “Era un conoscente”, dice. “In retrospettiva, vorrei non aver accettato il caso, ma non ho visto un problema nell’accettare il caso. Non avevamo una stretta relazione personale”.

Alla prossima…

Questo è solo un primo elenco della rete di conoscenze di Epstein e Maxwell.

Il fatto che il pregiudicato avesse tanti nomi famosi nel proprio libretto nero, non significa certo che gli stessi siano tutti coinvolti nel giro di traffico sessuale che vede oggi la Maxwell imputata. Al contrario, molti, nonostante avessero un semplice rapporto di conoscenza, vengono strumentalizzati dai media che tendono a credere alle accuse solo se possono cercare di coinvolgere qualcuno a loro poco consono.

 

*****

Fonti

https://patriotone.substack.com/p/epsteins-vast-network-of-financers

https://nymag.com/intelligencer/2019/07/jeffrey-epstein-high-society-contacts.html

 

Please follow and like us:
Pin Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.